giovedì 23 novembre 2006

Racconto di una notte d'Aprile

BROGLI ELETTORALI, INCHIESTA SUL FILM DI DEAGLIO
La Procura della Repubblica di Roma ha aperto un fascicolo disponendo l'acquisizione del film di Enrico Deaglio " intitolato «Uccidete la democrazia!». Il documentario nel quale il giornalista e direttore del settimanale "Il Diario", ipotizza presunti brogli elettorali nelle scorse elezioni politiche. Il fascicolo è affidato al Pm Salvatore Vitello, che ha delegato la Digos ad acquisire il film-documentario oltre che da Deaglio anche da Beppe Cremagnani. Il fascicolo è intestato 'atti relativi a..'. Non si esclude che nei prossimi giorni, dopo l' acquisizione del Dvd che è in distribuzione in questi giorni con il settimanale "Il Diario", possa essere convocato in procura lo stesso Deaglio. Nel film-documentario si ipotizza, tra l' altro, di un software all'interno del sistema informatico del Viminale, un programma che, secondo quanto racconta il documentario, avrebbe consentito di 'trasformare' tutte le schede bianche alle scorse elezioni politiche, in preferenze in favore di Forza Italia.
Per noi comuni mortali, basta aspettare l'uscita del documentario previsto il venerdi 24 novembre.
Recatevi dalla vostra edicola di fiducia e prenotatelo, certe chicche fanno la fine dei libri di M.Travaglio, sono introvabili.

3 commenti:

Anonimo ha detto...

Finalmente, vedremo se verrà insabbiato tutto.

Ciao

Marco C.

monarchico ha detto...

Se ancora oggi, che viviamo in una società tecnologicamente avanzata, si temono brogli elettorali, chissà cosa successe nel referendum istituzionale monarchia-repubblica del 1946.

E’ impossibile non ricordare i brogli avvenuti nel referendum istituzionale del 1946 e quindi si può dire che già allora la repubblica uccise la democrazia.

Leggete con attenzione l'ultimo post del mio blog.

saluti

Antonio ha detto...

Quante cazzate nel libro di Deaglio.
Le bianche rimasero basse anche nel 2008 e nel 2013 col CDX però fuori dal ministero.
furono solo 485000 nel 2008 e solo 395000 nel 2013,quindi in linea con le solo 440000 del 2006.
quindi niente brogli nel 2006,solo gli italiani iniziarono a votare di meno scheda bianca.