venerdì 19 gennaio 2007

D'Alema va fermato!

Scambio di favori fra Rigassificatore Italiano e Centrale Nucleare Slovena.
Mediatore Massimo D'Alema.
Da tempo, le autorità Slovene hanno avanzato critiche verso uno dei rigassificatori che sorgerà in Italia precisamente a 15 km a ovest di Trieste, vicino alle acque territoriali della Slovenia. Tale rigassificatore, costituirebbe un impianto a rischio di incidente rilevante, a due passi dal proprio territorio!.
Da tempo
vi sono contestazioni ecologiste nonché interrogazioni parlamentari, inerenti a, Krško, cittadina Slovena,(vicina all'Italia) dove sorge una centrale nucleare. Due problematiche di difficile risoluzione tra due nazioni vicine ma divise da anni di storia. Che fa allora il Ministro degli Esteri D'Alema?. La priorità in questa trattativa è la sicurezza, per l’interesse di entrambi i paesi.

NO!! IL GRANDE STATISTA si accorda con la Slovenia per un fare uno scambio sulla pelle dei cittadini, uno scambio al ribasso in tema di sicurezza. L'Italia chiude gli occhi sulla centrale nucleare slovena di Krško, in cambio di un lasciapassare del governo Sloveno sul rigassificatore triestino che aveva incontrato, ed incontra molte opposizioni. Né è prova che a un giornalista D'Alema, alla domanda: "Con il collega Sloveno parlerete anche dei rigassificatori nel Golfo di Trieste ai quali il Governo Sloveno è decisamente contrario?", risponde; "Questi sono impianti che rispettano le normative massime di sicurezza e di tutela dell'ambiente dell'Unione Europea. Ovviamente parleremo di questo, soprattutto del rispetto di queste normative. Comunque l'Italia non polemizza in merito al raddoppiamento della capacità della centrale nucleare Slovena". Di fronte al ministro degli Esteri Sloveno, poi, non ha difficoltà nel dire: "Ritengo che i nostri due paesi siano avanzati e moderni in grado di fare, come si fa in tante parti del mondo, rigassificatori e di far funzionare centrali nucleari senza creare motivi di paura. Siamo fra i paesi in grado di dominare queste tecnologie".
Peccato che la centrale atomica slovena sorga in una zona sismica, e NOI NON CI FIDIAMO!!!.
Peccato che
un Ministro degli Esteri come D’Alema, per interessi ed affari possa dare di fatto il via libera a due impianti pericolosi con un colpo.
Peccato perché questo PIRLA con tale decisione farà in modo che in caso di incidente se il vento soffia da est avremo la radioattività slovena, se il vento soffia da ovest agli sloveni arriva una palla di fuoco al metano.
Peccato, perché era il caso di spiegargli che il confine italo-sloveno non ferma i disastri.
Peccato perché è una cosa su cui ci si potrebbe aspettare una presa di posizione ad esempio di Legambiente.
Peccato, perché Legambiente, come sempre arriverà in ritardo!.
Peccato perché nessun giornale ne ha parlato e ne parlerà!.
A DIRE CERTE COSE SI FA’ PECCATO!!!!!.


Note:
Per approfondimenti c'è un minidossier
qui:
peacelink.it

Per l'opposizione della Slovenia al rigassificatore sono esposte qui: trieste.si

5 commenti:

roob ha detto...

L'ennesima azione non dettata dalle necessità dei cittadini, ma quando la popolazione s'accorgerà e s'inc.....à?
Le proteste e il malcontento dilagano sul web, ma quando in strada?

Staff Politicamente ha detto...

Salve roob

Per strada giunge poco,leggi anche il post di grillo, Vidal, ci avverte con una 15na di anni in anticipo!.

La quotidianità, questo è quello che ferma molti di noi.

A cose fatte come a vicenza, pochi valorosi presidieranno, e nulla cambierà.

Un caro saluto

X staff

Robert Allen

Mauro ha detto...

Due cose:

Molti vicentini fanno sono ipocriti perchè le basi le vogliono in quanto a beneficiarne sono proprio le loro attività. D'Alema, messo lì da Prodi, sta facendo buon viso a cattivo gioco.

andrea vagnoni ha detto...

Ricordiamoci anche che il baffetto quand'era premier ha introdotto il precariato in italia, oggi contraddicendo clamorosamente il programma dell'ulivo ha detto che se l'italia se ne andasse dall'afghanistan perderebbe il proprio ruolo... quale ruolo? Non tornare indietro significa raddoppiare una base militare USA? Io sono stanco di essere preso per il c..o da 'sto baffetto.

Roberto Cante ha detto...

Il problema principale , e' ..la classe politica non e' tecnica ben vengano rigasificatori o centrali nucleari , certamente non saranno questi ITALIANI a farle funzionare........noi aspettiamo.. non ti AMO.. con il doppio senso del LInguaggio ITALIANO

Roberto Cante