sabato 13 gennaio 2007

La Matrioska

Ora è la volta del ministro Gentiloni di presentare un progetto per la nuova Rai: tre aziende al posto di una, una per le reti e due per i prodotti. E' una soluzione magica per i problemi della Tv di Stato, dominata dalla politica, incapace di produrre programmi di qualità ma capace di spendere miliardi di euro del canone in ingaggi a superdivi e isole varie. Tronchetti Provera, alle prese con un debito formidabile, uno scandalo giudiziario senza precedenti e la necessità di adeguare Telecom Italia alle sfide della alle sfide della banda larga, era stato il primo a immaginare di spaccare l'azienda in tre, dopo anni di esternalizzazioni di singoli pezzi di attività e servizi. Tronchetti ha incontrato le forti resistenze di politica, sindacati e mercato; ecco arrivare Rossi che, invece di tre aziende separate, vuole limitarsi a riorganizzare Telecom in quattro divisioni autonome.
Intanto Alitalia dovrebbe essere divisa almeno in due: una dei servizi di terra e una per il volo; per le Ferrovie si è scoperto invece che l'aver separato la
Rete dalla divisione commerciale trasporto non ha fatto arrivare i treni in orario ma ha coperto gli storici buchi di bilancio.
Sembra la nuova moda del capitalismo italiano, in particolare nei servizi ma non solo, un capitalismo fatto di tante imprese medie e piccole, senza vere grandi imprese multinazionali, povero di capitali ma anche di brevetti e di innovazione, familiare e ristretto ai soliti noti, spiazzato dalla globalizzazione ma capacissimo di spezzare le poche grandi imprese che rimangono, moltiplicarle in un numero infinito, fin quasi all'atomo, di imprese più piccole, utilissime a eludere il fisco e a moltiplicare consigli di amministrazioni, consiglieri e relativi emolumenti, dirigenti con retribuzioni e liquidazioni assolutamente tra le più elevate del mondo e tra le più slegate da ogni parametro di efficienza, qualità e reddività.
Nelle cronache finanziarie non si parla mai di progetti, di prodotti, di obbiettivi, ma sempre e solo di queste proposte di ingegneria organizzativo-finanziaria che dovrebbero essere capaci, chissà perché, di risollevare le sorti di un'economia italiana, che quando torna a crescere a poco più dell'1% ci fa gridare al miracolo, segno di una decadenza di cui, forse, abbiamo perso perfino la consapevolezza.
Questa è la fotografia delle Nostre aziende, dei Nostri manager, dei Nostri soldi........"Soldi Loro"!.

2 commenti:

Remo ha detto...

Nulla cambia, ma tutto peggiora.

Bravi blog eccellente!.

Mauro ha detto...

Il precedente governo ha strozzato l'economia depenalizzando la legge sul falso in bilancio. Cioè se una azienda dichiarameno di quello che guadagna, paga meno tasse allo stato, si intasca più soldi e i debiti li pagano gli altri cioè i dipendenti che non possono evadere il fisco.

L'equilibrio fra ricchezza e povertà non esiste più. Se sei ricco ti va di lusso, se sei così così fra un pò sarai un poveraccio.