lunedì 8 gennaio 2007

Quesito per gli elettori della Cdl

Gentili blogger che avete votato nelle ultime elezioni la coalizione di centro destra, vi sottoponiamo alcuni quesiti a cui chiediamo risposte e commenti. Saranno forse banali e scontati, ma in questo “marasma” di false ideologie presenti sia nella CDL che nell’UNIONE, ci incuriosisce capire le motivazioni che vi hanno spinto a tale scelta. Partiamo dal presupposto che la nostra Nazione ha ed aveva anche prima dell’avvento della CDL e dell’UNIONE una diffusa illegalità sia nelle istituzioni, sia nella popolazione, e che il primo obiettivo è riportare un minimo di legalità in tutti i settori. (se non concordate con tali e palesi affermazione, non perdete tempo, non leggete, uscite dal blog!!!!). Il sistema elettorale, lasciando perdere il teorema dei brogli, con cui si è andati alle urne nelle ultime elezioni, non vi dava modo di scegliere un candidato ben preciso o uno da voi desiderato. Diciamo che si è andati sulla fiducia, non potendo votare per un candidato, automaticamente avete dato mandato al partito di vostro gradimento, di scegliere le persone che vi rappresentano. Questo, di fatto, ha limitato la vostra libertà, a vantaggio del partito (e coalizione). Prima delle elezioni, in qualsiasi posto, a volte anche su certe testate giornalistiche (magari in un trafiletto) sono comparsi i partiti che “ospitano” rappresentanti con condanne definitive, quindi dei “DELINQUENTI A PIEDE LIBERO”, non per merito dell’indulto, ma per una storica impunità che tutti indistintamente si riservano da sempre. Tutti i partiti della vostra coalizione hanno come minimo un delinquente, e per dovere riportiamo come sono ben spalmati su l’intera forza politica: Forza Italia 29, Alleanza nazionale 14, Udc 10, Lega Nord 8, Movimento per l’autonomia 1, Dc 1, Psi 1, Gruppo misto 1.- Totale: 65. A questo punto, appurato che il ritorno ad un minimo di legalità era è rimane la priorità, che non sapevate chi poi sarebbe stato il vostro rappresentante non avendo modo e diritto di sceglierlo, come avete potuto decidere di dare il vostro assenso (voto) a tali partiti e di conseguenza far sedere sulle sedie di comando questi DICHIARATI DELINQUENTI?. Perché non avete optato per quei partiti che non hanno nessun pregiudicato al loro interno? (IdV-Verdi-Pdci).
PER INTERESSE PERSONALE?.
PERCHE’ MEGLIO DEI DELINQUENTI CHE DEI PSEUDO COMUNISTI O EX MAGISTRATI AL GOVERNO?.
PERCHE’ NE FATE PARTE O VI SENTITE RAPPRESENTATI DA TALI MALFATTORI?.
PERCHE’ COMUNQUE NON SAREBBE CAMBIATO NULLA?.
A VOI LA RISPOSTA ALL’ARCANO DILEMMA!!!!.


PS: Sappiate che tali quesiti verranno posti anche agli elettori dell’ Unione.
PPS: I dati riportati non sono mai stati smentiti dagli interessati, Fonte: "La Repubblica"

9 commenti:

Anonimo ha detto...

Votare per l’unione è votare per i comunisti.
Dai fatti che accadono tra tasse balzelli e minchiate, scelgo un delinquente dichiarato

Anonimo ha detto...

Messaggio n°135 del 08/01/2007

ROMA CAPUT "DE" MUNDI

Sono iniziati i controlli negli ospedali da parte dei Nas dopo la scoperta nella "capitale" di numerosi casi di estrema inadempienza delle norme igienico sanitarie in nosocomi.
Lo scopo di questi controlli è solamente dimostrare che il resto della penisola, in particolare il Nord ed in particolare Milano "sono peggio di Roma". Vedrete che scoveranno molti ospedali in Lombardia "peggio dell'Umberto I", come certificheranno i mass-media.
Non cambierà nulla, da nessuna parte, in seguito a questi controlli.
Solamente La repubblica ed Il Corriere della Sera potranno gioiosamente scrivere che "la Lombardia è peggio del Lazio" e "Roma è meglio di Milano".
Secondo il clichè romano-comunista per il quale "siamo tutti uguali" ma la capitale è meglio di tutti. Come le giornaliste mediterranee dei "tiggi" dalla carnagione sempre più chiara ed il naso sempre più migliorato; Michael Jackson alla ciociara.
Secondo il "patto della crostata" per cui la criminalità esiste solo in Lombardia e Veneto, a Sud la corruzione politica solo in Sicilia, unica regione meridionale del centrodestra. Secondo lo stile per cui in Emilia-Romagna e Toscana la sanità è perfetta, la criminalità e l'inquinamento non esistono. Perché nessuno sa che a Parma su un cavalcavia della A1, (quello verso S. Polo di Torrile) è stato rilevato il livello di PM10 più alto d'italia, a Modena le uniche due centraline per lo smog situate in centro, poiché oltrepassavano costantemente il livello di guardia, sono state SPOSTATE in periferia. Reggio Emilia è in totale balia di bande di criminali immigrati armati di Kalashnikov. Sono solo esempi.
Ma l'Unità, in base ai falsissimi dati di Legambiente e Caritas, può orgogliosamente vergare del "malgoverno" lombardo in materia di PM10 e gestione dei campi nomadi. E che Roma è certamente meglio di Milano.

Canna-Power Team

http://www.fottilitalia.com/
il sito anti-italiano per eccellenza

PODCAST: http://www.fottilitalia.com/ABpodcasting.rss

Mirco Ragusi ha detto...

Prodi non mi sembra faccia molto meglio.

I tre partiti da voi elencati come puri, sono una percntuale che non conta

libero pensiero ha detto...

ma scusate, secondo voi era meglio votare questi cialtroni che abbiamo al governo (vedi il penoso teatrino clemente contro tonino,tonino contro emma e tutti contro tutti) piuttosto che gente che ha avuto qualche incidente di percorso?
pensate che idv pdci e verdi possono risolvere i problemi dell'italia?
suvvia un po' di serieta'
P.S.
non dimenticate che questo governicchio ha riabilitato personaggi dal passato piu'che dubbio per cui prima di fare sondaggetti ridicoli guardate a casa vostra.

All0 ha detto...

prodi si aggrappa all'onestà intellettuale italiana, da contro agli evasori (e fa bene), ed emana perbenismo da ogni poro; ma quando il governo precedente concesse il condono fiscale, sua moglie e lui non si tirarano certo indietro. E con loro Benigni.
Se poi teniamo da conto la questione ideologica e altre genialate, la risposta è piuttosto semplice.

E' solo una questione di pensiero personale, i discorsi su Deliquenti al governo sono solo cavolate. Tutti sono delinquenti, si deve scegliere il male minore. E' il difetto della democrazia, c'è mica niente da fare. Sarebbe ora di smetterla di perdere tempo con l'idealizzazione della vita e della politica, e cominciare a parlare di fatti.

my pipe ha detto...

Quello che più mi sconcerta è lo stato di rassegnazione in cui sta cadendo il cittadino italiano.
Si dice che avere delinquenti al potere è un difetto della democrazia, una volta lo si diceva delle dittature. Si dice che avere delinquenti al potere è scegliere il male minore, minore rispetto a cosa? Minore rispetto essere retti dalla coalizione opposta al proprio credo politico? Ma indipendentemente dal proprio credo politico, è troppo pretendere avere degli esponenti che siano persone rette? Si parla di fatti. Bene, iniziamo da questo, pretendere persone che ci rappresentino e che siano persone corrette. Finchè ci ostineremo a portare avanti ragionamenti tipo , "tanto sono tutti uguali" non faremo altro che mettere a guardia del formaggio dei topi. E indipendentemente che siano bianchi oneri, rossi o gialli, sempre il formaggio ci fregheranno. Iniziamo a partecipare attivamente alla vita politica di base, partecipando, ognuno secondo la propria ideologia, alle riunioni di partito, apportiamo idee e gente fresca a questa classe politica,macchietta di se stessa.
Non basta gridare sui vari blog la propria ira, o insultare la "fazione" avversaria.
Quello che mi sconcerta è il fatto, che sopratutto noi giovani inneggiamo a eventi o ideologie che oramai hanno più di sessant'anni. Ci vogliono idee fresche, senza andare a scimiottare ideologie del passato oramai obsolete, che sono state uno spaccato importante della nostra storia e che devono essere di monito ed esempio a tutti noi, ma che oramai hanno perso la loro validità. In fondo sono nate come risposta per risolvere determinate situazioni, e se gli eventi scatenanti non fossero avvenuti, non sarebbero mai nate. Un esempio, è la tanto decantata resistenza.
Se non ci fosse stato il fascismo, non sarebbe mai nata,perchè non ci sarebbe stata niente per cui resistere. Consideriamola un antibiotico di una malattia, passata la malattia, non ce più bisogno della cura. Oramai sta diventando inflazionata. Per ogni cosa succede ai grida al valore della "resistenza". Ma la vera resistenza non ha nulla a che vedere con l'attuale stato sociole e politico.Inventiamoci un altro movimento per favore.
E' poi degradante vedere chi inneggia alla resistenza e cerca di farne propri i meriti. Ragazzi, che se presi per un giorno e gli si facesse fare solo un decimo di quello che hanno dovuto fare chi veramente ha fatto resistenza, ad esempio spersi per un bosco al freddo, si metterebbero a piangere come pargoletti in fasce. Immaginamoci se dovessero combattere e nascondersi, senza mangiare per giorni..... giovani che magari non hanno neanche avutoil coraggio di assolvere quello che era l'obbligo di leva.
Gente del genere non fa altro che ridicolizzare la memoria di una importante e decisiva pagina di storia del popolo italiano.
Molti, agitanolo spauracchio del comunismo.
Ma una domanda, quando mai c'è stata la volontà comunista in Italia?
Conosco molti che sono "Comunisti" dal momento che è nato il partito,ma se gli parli di esprorio della loro casetta rischi una fucilata.
Si urla al comunismo italiano, quando i massimi ex esponenti del partito, vedi Dalema, sono ben "ancorati" alla loro proprietà.
Si urla al comunismo, quando uno dei massimi esponenti attuali, vedi On. Fausto Bertinotti, che in teoria dovrebbe essere ateo, si è sposato in chiesa per non urtare il sentimento cattolico della suocera. (e sinceramente non ci trovo nulla di male).
Basta con queste dietrologie pubblicistiche, create ad arte da un gruppo di specialisti del marketing e della tecnica pubblicitaria e appartenenti ad un passato oramai lontano, e che se ache dovesse ritornare, avrebbe comunque un significato diverso.
Ci vogliono idee nuove, del 2007, non del 1947.
Aimè purtroppo, abbiamo ancora i politici del 1947, forse è questo uno dei problemi, ma non il solo. Queste belle discussioni che facciamo sui blog, iniziamo a farle all'interno delle nostre rappresentanze di base dei nostri partiti. Sicuramente saranno più costruttive.
Quello che poi mi stupisce, è che molti, non so perchè, non hanno neanche il coraggio di usare un nick per esprimere le loro idee, ma si rifugiano, dietro all'anonimato.
Un idea ha un valore aggiunto, se si sa chi l'ha espressa, fosse il nome il cognome o semplicemente un nick. Mi rimane difficile infatti rispondere ad un banale anonimo. Un idea senza autore è come un figlio non riconosciuto. Ma questo naturalemente è solo una mia opinione e riflessione personale.
Alla prossima.

Mauro ha detto...

ELEZIONI

Non ha vinto Prodi e la coalizione, ma ha perso la CDL e Berlusconi. Questo governo è solo la prima parte della svolta. Ci siamo svegliati dall'anestesia totale...

Anonimo ha detto...

SIAMO ALLE SOLITE! GESU' diceva:
Non guardare la pagliuzza che è nell'occhio del tuo vicino, ma guarda la TRAVE che è nel tuo!! quindi prima di giudicare il vecchio governo guardate il vostro governo di merdaaa!!!!!

Anonimo ha detto...

I delinquenti sono ovunque, non si fanno certo problemi di destra o sinistra...