domenica 18 febbraio 2007

A voi sembra che sia giustizia?

Renato Farina, vice direttore del quotidiano Libero, alias "Agente Betulla" quando fa la spia, accusato di favoreggiamento nel sequestro di persona di Abu Omar, ha patteggiato ed è stato condannato a sei mesi di reclusione. La pena di reclusione è stata immediatamente commutata in una multa di 6.800 €uro. Per compiere il reato per il quale è stato condannato, Farina aveva ricevuto dal SISMI (il mitico Pio Pompa, il James Bond italiano) un compenso di (almeno) 30.000 Euro. Nulla di strano, penserete, ma facciamo il "conto della serva", pertanto, pur essendo condannato per favoreggiamento di un sequestro di persona, Renato Farina, l'Agente Betulla, paladino di Bush, Bossi e Berlusconi, ci ha pure guadagnato circa 50 milioni di Lire. A voi sembra che sia giustizia questa?.

4 commenti:

Anonimo ha detto...

Uno dei peggiori personaggi d'italia.

segreti e impunibilità, se avessimo rubato 2 galline?

5 anni senza condizionale!!!

Ciao staff

Giuseppe C.

silvia bada ha detto...

ci sono una marea di stronzate....

bè questioni di punti di vista....

IN UNA FASE DI EMERGENZA DOVE SOLDATI ITALIANI, TURISTI, LAVORATORI, ecc. VENIVANO TRUCIDATI DA TERRORISTI ISLAMICI INTERNAZIONALI.....

e contemporaneamente a CASA NOSTRA AVEVAMO DEI TRADITORI che travestiti da "grandi giornalisti" O DA "VALENTI MAGISTRATI"....

GIUDICAVANO "RESISTENTI" E "PARTIGIANI" 4 pezzi di cacca che SGOZZAVANO poveri cristi in nome di halla e del suo profeta pastore....

IO STO VICINO A CHIUNQUE ABBIA COMBATTUTO STO SCHIFO E CHI OGGI FA FINTA DI "DIMENTICARLO"!

piuttosto a "FENOMENO".....

perche' non scrivi un po' sullo SPIONE DELL'EST E DEI SUOI RISIBILI POTERI MAGICI....sempre se hai le palle eh?

Staff Politicamente ha detto...

“Signora” bada, per usare un eufemismo., non ci siamo mai fatti influenzare ne da colori politici ne da schieramenti. Le consigliamo di leggere i post prima di asserire che vi è scritto un mare di caxxate, altrimenti la riterremo in disaccordo con i link qui postati.
Non è questione di palle, cara e non ci serve qualcuno che ci ricordi di avere le palle, lo sappiamo, altresì parrebbe ovvio tentare di ricordare a lei, che le ha perennemente in gola.
Ossequi.

http://politicamentescorrettosempre.blogspot.com/2007/01/s-caramella-per-uno-conosciuto.html

http://politicamentescorrettosempre.blogspot.com/2007/01/i-tanti-amici-della-goldman-sachs.html

X staff

Robert Allen

Anonimo ha detto...

Messaggio n°148 del 19/02/2007

QUESITO

Riguardo la vicenda che ha visto protagonista Abu Omar, perché si continua ad esporre la tesi del rapimento e non quella della cattura? Stiamo parlando di un soggetto pericoloso e non di un comune dissidente in pacifico contrasto con l'establishment politico di un paese (in questo caso nemmeno il suo). I criminali nazisti, finita la seconda guerra mondiale, sono stati prelevati e condotti davanti ad un tribunale senza che questo abbia sollevato un pubblico sdegno mi sembra.
E allora cosa c'é di tanto diverso quando l'obiettivo é un terrorista islamico? A questo punto mi incuriosisce un fatto: se Abu Omar fosse stato Serbo avremmo assistito alla medesima protesta? E' forse l'aurea di attualità che circonda il personaggio in questione la causa dell'abbandono di ogni forma di raziocinio in favore di un lasciapassare in grado di tutelarci da eventuali ritorsioni? Così grande la paura da spingere un paese evoluto come l'italia a ripercorrere i passi della santa inquisizione? Quale occulto potere può spingere un paese civile, fondato su uno stato di diritto, a procedere contro chi si è sempre adoperato in sua difesa anche a rischio della vita?
Chiunque abbia una risposta é benvenuto.

Gianluca Zino del Canna-Power Team

http://www.fottilitalia.com/
il sito anti-italiano per eccellenza

PODCAST: http://www.fottilitalia.com/ABpodcasting.rss