domenica 4 marzo 2007

Professione?:....reduce di guerra americano.....

Riportiamo un filmato tradotto da Luogocomune.net, dove appuriamo che il nuovo capo del Pentagono, Robert Gates, ha licenziato in tronco Kevin Kiley, il nuovo Comandante dell'ospedale militare Walter Reid di Washington, che accoglie buona parte dei feriti di guerra reduci da Afghanistan e Iraq. Già da tempo c'erano state lamentele per le lentezze burocratiche che rendevano ancora più penose le sofferenze dei feriti di Walter Reid, ma ieri un articolo del "solito" Bob Woodward sul Washington Post ha fatto esplodere lo scandalo, …… rivelando al mondo le condizioni igieniche inaccettabili in cui i ricoverati sono costretti a vivere, circondati ovunque da sporcizia, topi, muffe e scarafaggi. La notizia interessante, in ogni caso, non sta tanto nel licenziamento in sè, ma nel fatto che questo è avvenuto perchè Kiley, invece di riconoscere il problema, ha reagito all'articolo del Washington Post sostenendo che fosse "non obiettivo" e inaccurato". Ha cioè sfrontatamente negato il problema, in perfetto "stile Rumsfeld", dove Abu Grahib era solo un problema minore limitato ad alcune mele marce. Senza quindi illudersi che il corso delle cose stia per cambiare più di tanto, possiamo almeno sperare che la vecchia squadra dei neocons, con la loro gutturale filosofia del predominio assoluto della forza fisica stia davvero facendo le valigie da Washington una volta per tutte. Se c'è un caso in cui qualunque "meno peggio" è mille volte meglio dell'attuale situazione, è proprio quello dell'establishment militare di stampo neocons che si è impadronito del Pentagono a partire dall'11 settembre 2001.

Qualche ulteriore info: Dopo scandalo, Bush lancia commissione su cure reduci Iraq (news Reuters riportata da Yahoo)

Il danno e la beffa (Peacereporter)

Soldati coi debiti (Effedieffe)

Quanti americani uccisi in Iraq? (Effedieffe)

Soldati USA contro mercenari USA (Effedieffe)

3 commenti:

Antonio Merli ha detto...

Nato il 4 luglio fu una delle prime denunce cinematografiche delle condizioni dei reduci di guerra.
Questo filmato purtroppo non è una finzione!.

Un saluto allo staff

Anonimo ha detto...

se non erro in fahrenheit 9\11 m. moore parlava con cognizione di causa dei tagli imposti da bush alla sanità per i reduci e in generale a forme di assistenza per i medesimi. Ahimè vedrete che non cambierà nulla di sostanziale con l'avvento della prossima amministrazione, democratica o repubblicana non ha nessuna importanza.

MAURO ha detto...

Spero che gli americani abbiano capito cosa vuol dire vivere sotto dittatura , che non ripeteranno l'errore di rieleggere per la terza volta di seguito un dittatore simil Bush.Quando Bush e Co. faranno le valigie da Washington sara' festa grande.
Un pensiero va' a tutti i ragazzi che hanno messo la propria vita al servizio del proprio paese,e vengono contraccambiati con l'indifferenza.
PEACE